mercoledì 28 settembre 2011

Una famiglia su tre ha già ricevuto il questionario del censimento


Sono otto milioni le famiglie che hanno ricevuto a casa il questionario del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni.

La maggior parte delle consegne effettuate dai portalettere di Poste Italiane è avvenuta nel centro Italia, con un 42% delle famiglie che ha già ricevuto il questionario, seguita dal Nord con il 40% e dal Sud con un 36%.

L'invio tramite posta del questionario è una delle novità più significative dell'organizzazione del nuovo Censimento che passa in rassegna famiglie, individui, abitazioni, fotografando la situazione attuale per ottenere dati utili per orientare le scelte di domani. La consegna è partita lunedì 12 settembre e proseguirà fino al 22 ottobre. Le buste recapitate dai portalettere, oltre al questionario, contengono la guida alla compilazione, una lettera di presentazione e una busta per la restituzione del questionario compilato.

A partire da lunedì 10 ottobre e fino al 20 novembre, i 14mila uffici postali presenti in tutta Italia saranno pronti a ricevere i questionari compilati per veicolarli poi agli uffici comunali di censimento, incaricati di raccoglierli e consegnarli all'Istat per l'elaborazione dei dati. La consegna dei questionari potrà avvenire, a partire dalla stessa data, anche presso i centri comunali di raccolta.

Non è previsto alcun costo per la consegna dei questionari.

Dal 9 ottobre, ma non prima, sarà possibile compilare i questionari via Internet, collegandosi al sito http://censimentopopolazione.istat.it e utilizzando la password stampata sulla prima pagina del questionario che viene recapitato a casa.

Ecco un breve vademecum per partecipare al Censimento senza commettere errori:

1. una volta compilato, inserire il questionario nella busta presente nel plico ricevuto a casa

2. imbustare il questionario nel verso giusto, per facilitare il recapito all'ufficio di censimento competente

3. non affrancare la busta

4. non imbucare il questionario nelle cassette della posta, ma consegnarlo a mano presso gli uffici postali o i centri comunali di raccolta che rilasciano una ricevuta di avvenuta restituzione

5. non consegnare il questionario prima del 10 ottobre.

Comunicato Stampa ISTAT di martedì 27 settembre 2011

sabato 24 settembre 2011

Obblighi del Censimento 2011


Nell’ordinamento italiano l’obbligo di risposta è sancito dall’art. 7 del DECRETO LEGISLATIVO  6 settembre 1989, n. 322 che prevede una diversa graduazione a seconda della natura del soggetto rispondente, distinguendo tra

  • amministrazioni, enti, organismi pubblici da un lato;
  • soggetti privati dall’altro.




Amministrazioni, enti e organismi pubblici

Ai sensi dell’art 7 del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322 le  amministrazioni, gli enti e gli organismi pubblici sono obbligati a fornire tutti i dati e le notizie che vengono loro richiesti per le rilevazioni previste dal  Programma statistico nazionale, fatte salve le eccezioni previste dallo stesso articolo 7

Soggetti privati

Al medesimo obbligo sono sottoposti i soggetti privati (imprese e famiglie) ma solo per quelle rilevazioni del Programma statistico nazionale espressamente indicate in una  delibera del Consiglio dei ministri, emanata con  decreto del Presidente della Repubblica.  (IN CORSO DI EMANAZIONE)

I titolari delle rilevazioni inserite nel  Programma statistico nazionale devono indicare nella  scheda identificativa la previsione dell’obbligo di risposta per i soggetti privati

Elenco indagini con obbligo di risposta

L’Istat predispone l’elenco delle indagini con obbligo di risposta per i privati e lo trasmette alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per l’approvazione del Consiglio dei Ministri e l’adozione del relativo Decreto del Presidente della Repubblica, da pubblicare in Gazzetta Ufficiale Il 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni  è inserito nel Programma statistico nazionale 2011-2013 e rientra tra le rilevazioni per le quali è previsto l’obbligo di risposta.

Per maggiori informazioni visita:
http://www.prefettura.it/FILES/AllegatiPag/1207/_Obbligo_di_risposta.pdf

Slide rilevatori censimento 2011

L'ISTAT ha realizzato una guida, in formato pdf, per la formazione dei rilevatori che saranno impiegati nelle operazioni relative al XV° Censimento della popolazione e delle abitazioni.



Le slides sono consultabili sul portale del ministero dell'interno al seguente link:
http://www.prefettura.it/piacenza/contenuti/724630.htm

Data di consegna e restituzione del questionario


Fase 1. La consegna dei questionari

I questionari saranno consegnati alle famiglie a cura di un vettore (Poste Italiane) tra il 12 settembre e il 22 ottobre 2011, sulla base degli elenchi estratti dalle anagrafi comunali (Lista Anagrafica Comunale – LAC), normalizzati dall’Istat.

A cura degli Uffici Comunali di Censimento (UCC) saranno da consegnare solo i questionari delle convivenze, delle famiglie oltre i 6 componenti, quanto non recapitabile a priori per problematiche di indirizzi.

A questi si aggiungeranno i questionari che il vettore non ha potuto recapitare


Fase 2. La restituzione spontanea

Dal 9 ottobre al 20 novembre 2011 le famiglie possono utilizzare uno dei canali predisposti per restituire spontaneamente il proprio questionario ai Centri di Raccolta Comunali o ai Punti di ritiro predisposti dalle Poste Italiane.

Gli UCC dovranno infatti attivare uno o più Centri Comunali di Raccolta per il ritiro dei questionari e organizzare l’assistenza ai cittadini che richiederanno informazioni e supporto alla compilazione.

Nello stesso periodo i rilevatori effettueranno il  Censimento degli edifici.

Fase 3. Completamento della rilevazione

Dal 21 novembre 2011 fino alla data di chiusura delle operazioni sul campo (differenziata per dimensione del Comune) i rilevatori dovranno sollecitare il ritorno dei questionari non restituiti dalle famiglie, recuperare quanto non presente nelle liste anagrafiche e concludere le altre operazioni previste sul campo.

I Comuni avranno ulteriori 40 giorni per chiudere le operazioni di confronto censimento-anagrafe e predisporre il materiale per la spedizione alla ditta di registrazione.

Per maggiori informazioni e per visualizzare in dettaglio le date della seconda fase leggi le slides ufficiali:
http://www.prefettura.it/FILES/AllegatiPag/1207/_Il_Contesto.pdf

Le novità del XV Censimento


Le novità del XV Censimento:


• Presenza di un Regolamento europeo
• Censimento assistito da lista anagrafica (o meglio da liste)
• Nuove tecniche di esecuzione della rilevazione, dall’invio dei questionari alle modalità di consegna multicanale
• Rilevazione supportata da un sistema di gestione on-line
• Strategia campionaria per alcune variabili
• Maggiore utilizzo degli strumenti territoriali, topografici ed ecografici a supporto delle attività
• Supporto alla rilevazione da parte del Ministero dell’Interno attraverso le Prefetture (UPC)
• Censimento degli edifici già anticipato (in parte) per i Comuni più grandi
• Un ruolo differenziato dei rilevatori
• Disponibilità di strumenti di supporto on-line per la formazione
• Confronto Censimento-anagrafe contestuale al censimento
• Invio ad Istat del bilancio ad hoc con gli esiti del confronto Censimento-anagrafe
• Trasmissione ad Eurostat dei risultati della rilevazioni in tempi prestabiliti
• Ruolo centrale di internet nella rilevazione: http://censimentopopolazione.istat.it

Obiettivi delle innovazioni
Le innovazioni metodologiche e organizzative che caratterizzano il 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni sono volte a garantire tre obiettivi principali:

1. ridurre l’onere della rilevazione a carico degli UCC
2. ridurre il carico statistico sui rispondenti
3. consentire una maggiore tempestività nella diffusione dei risultati


Copyright: Slides del Ministero dell'Interno:
http://www.prefettura.it/FILES/AllegatiPag/1207/_Il_Contesto.pdf

Le caratteristiche del censimento


Il 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni affianca caratteristiche di  continuità rispetto alle rilevazioni precedenti a  profonde novità sia negli aspetti organizzativi che in quelli metodologici.



Sono infatti mantenute le tradizionali caratteristiche di:

  • universalità: la rilevazione riguarda tutte persone sul territorio nazionale
  • individualità: le informazioni sono rilevate su tutti gli individui
  • simultaneità: tutte le informazioni raccolte sono riferite a una data predefinita
  • periodicità : i censimenti vengono eseguiti con cadenza decennale
  • confrontabilità: le principali informazioni raccolte devono poter  essere confrontate con quelle rilevate nei censimenti precedenti

Quadro normativo del censimento


Quadro normativo del censimento:

La normativa comunitaria:
• Regolamento (CE)  n. 763/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9.7.2008
Principi fondamentali dei Censimenti sulla popolazione e le abitazioni
• Regolamento (CE)  n. 1201/2009 del Parlamento  Europeo e del Consiglio del 30.11.2009
Attuazione del Reg. CE n. 763/2008 – specifiche tecniche sulle variabili del Censimento

La normativa nazionale:

  • Costituzione italiana - art. 56 e 57
  • Art. 15, comma 1, del Decreto Legislativo del 6.9.1989, n. 322 (Sistan – Sistema Statistico Nazionale)
  • Art. 50 Decreto Legislativo n. 78/2010, convertito con modificazioni nella Legge n. 122/2010
  • Regolamento anagrafico della popolazione residente:
    Decreto del Presidente della Repubblica del 30.5.1989,n.223/1989
  • Codice in materia di protezione dei dati personali:
    Decreto Legislativo del 30.6.2003, n. 196/2003
  • Articolo 15, comma 1, del D. Lgs. 6.9. 1989, n. 322:
    ...“l’Istat provvede … alla esecuzione dei censimenti ”...
  • L’art. 50 del D.L. n. 78/2010,  contenente
    Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica, convertito con modificazioni nella L. 122/2010,  indice il 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni,  nonché il 9°Censimento generale dell'industria e dei servizi ed il censimento delle istituzioni non-profit
    Stabilisce inoltre che l'ISTAT ha il compito di organizzare le operazioni di ciascun censimento attraverso un  Piano Generale di Censimento e apposite circolari

Regolamento anagrafico (DPR n. 223/1989)
Definisce i concetti di:

  • popolazione residente (art. 3)
  • famiglia anagrafica (art. 4)
  • convivenza anagrafica (art. 5)

Disciplina tra l’altro:

  • il procedimento di iscrizione e cancellazione anagrafica
  • la revisione anagrafica a seguito delle risultanze delle operazioni del censimento generale della popolazione
  • gli adempimenti topografici ed ecografici (revisione dell’onomastica stradale e della numerazione civica) da effettuarsi in occasione dei censimenti

Quali sono gli obiettivi del Censimento



Gli obiettivi del censimento sono:


a) Assolvere agli obblighi di rilevazione imposti dal Regolamento (CE) n. 763/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio del 9.7.2008, relativo ai censimenti della popolazione e delle abitazioni
b) Produrre un  quadro informativo statistico  sulle principali caratteristiche strutturali della  popolazione a livello nazionale, regionale e locale
c) Determinare la popolazione legale quale popolazione residente nel territorio di ciascun Comune valida ai fini normativi
d) Fornire dati e informazioni necessari per  l’aggiornamento e la revisione delle anagrafi comunali
e) Fornire informazioni sulla  consistenza numerica e sulle caratteristiche delle abitazioni e degli edifici

Cos’è il Censimento?

Il censimento è una rilevazione statistica il cui obiettivo è il conteggio di tutti i componenti di un dato universo in un momento prefissato.

Il censimento della popolazione ha come obiettivo il conteggio di tutta la popolazione (residente e/o presente) sul territorio In contemporanea viene effettuato anche il censimento delle abitazioni e degli edifici.



In particolare:
Il Censimento del 2011 è il 15° censimento della popolazione e delle abitazioni condotto in Italia

Come si compila il questionari del censimento


Guida ufficiale alla compilazione del questionario:

venerdì 23 settembre 2011

Telefono e connessione a internet - Foglio di famiglia


Foglio di Famiglia
Sezione I - Notizie su famiglia  e alloggio
Punto 6 - Telefono e connessione a internet




6.1 La Sua famiglia dispone di almeno una linea telefonica fissa attiva nell’alloggio?
6.2 Almeno un componente della famiglia dispone di un telefono cellulare con linea telefonica attiva?
6.3 Quanti componenti della famiglia dispongono di almeno un telefono cellulare?
6.4 La Sua famiglia dispone di connessione a Internet nell’alloggio?
6.5 Specificare il tipo di connessione

Auto e posto auto - Foglio di Famiglia


Foglio di Famiglia
Sezione I - Notizie su famiglia  e alloggio
Punto 5 - Auto e posto auto



5.1  La Sua famiglia dispone di automobili?
5.2  La Sua famiglia dispone di uno o più posti auto privati? (box, posto auto in garage, posto auto in cortile ad uso riservato, ecc.)

Impianto di climatizzazione - Foglio di famiglia



Foglio di Famiglia
Sezione I - Notizie su famiglia  e alloggio
Punto 3 - Impianto di climatizzazione




4.1  L’abitazione ha un impianto di riscaldamento?
4.2   Indicare quale impianto (o impianti) di riscaldamento ha l’abitazione e – per ciascun impianto – il combustibile o l’energia che lo alimenta (sono possibili più risposte)
4.3  L’abitazione dispone di un impianto a energia rinnovabile per la produzione di energia elettrica? (impianto solare fotovoltaico, impianto eolico, ecc.)
4.4  L’abitazione ha un impianto fisso di aria condizionata?

Acqua e impianti igienico-sanitari - Foglio di famiglia


Foglio di Famiglia
Sezione I - Notizie su famiglia  e alloggio
Punto 3 - Acqua e impianti igienico-sanitari




3.1 L’abitazione dispone di acqua al suo interno?
3.2 L’abitazione dispone di acqua calda  (in bagno e/o in cucina)?
3.3 L’acqua calda è prodotta esclusivamente dallo stesso impianto che è utilizzato  per il riscaldamento dell’abitazione?
3.4  Qual è il combustibile o l’energia usata per riscaldare l’acqua?
3.5 Di quanti impianti doccia e/o vasche da bagno dispone l’abitazione?
3.6 Quanti sono i gabinetti presenti nell’abitazione?


Per rispondere nel modo corretto a queste domande consigliamo di leggere la guida ufficiale al seguente link:

giovedì 22 settembre 2011

Proprietà e struttura dell'abitazione - Foglio di famiglia



Foglio di Famiglia
Sezione I - Notizie su famiglia  e alloggio
Punto 2 - Proprietà e struttura dell'abitazione



2.1 Chi è il proprietario dell’abitazione?
2.2 Qual è la superficie dell’abitazione?
2.3 Di quante stanze è composta l’abitazione?
2.4 Tra le stanze conteggiate alla domanda 2.3 quante  sono ad esclusivo uso professionale?
2.5 Indicare se l’abitazione dispone di (sono possibili più risposte)


La domanda 2.3 è la più complessa, infatti bisogna leggere attentamente la guida, che, per questa domanda inizia così:
Indicare il numero totale di stanze dell’abitazione escludendo i bagni, le cucine, i cucinini, i vani accessori e le pertinenze (ad es. cantine, soffitte, garage, ecc.)

Tipo di alloggio e famiglia - Foglio di famiglia


Foglio di Famiglia
Sezione I - Notizie su famiglia  e alloggio
Punto 1 - Tipo di alloggio e famiglia

1.1 Indicare il tipo di alloggio
1.2 L’alloggio è occupato da
1.3 Riportare le informazioni della/e altra/e famiglia/e coabitante/i
1.4 A che titolo la Sua famiglia occupa l’alloggio?

Il primo punto della prima sezione del Foglio di Famiglia è composto da 4 domande riguardanti il tipo di alloggio.

La domanda 1.3 non è obbligatoria, infatti è destinata solo alle famiglie che condividono la stessa abitazione.
Nella risposta alla domanda 1.3 è possibile indicare al massimo altre 3 famiglie che condividono l'alloggio. Come indicato sul questionario e sulla guida: se nell’alloggio coabitano più di quattro famiglie, è possibile  chiamare il numero verde gratuito 800.069.701.

Questionario 15 Censimento ISTAT in dettaglio

Il questionario del XV Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, ufficialmente denominato "Foglio di Famiglia" è stato suddiviso in due sezioni, come possiamo vedere di seguito:


Sezione I - notizie su famiglia  e alloggio

  1. Tipo di alloggio e famiglia
  2. Proprietà e struttura dell’abitazione
  3. Acqua e impianti igienico-sanitari
  4. Impianto di climatizzazione (riscaldamento, aria condizionata, energia rinnovabile)
  5. Auto e posto auto
  6. Telefono e connessione a internet

Sezione II - Notizie sulle persone cHe hanno dimora abituale nell’alloggio

  1. Notizie anagrafiche
  2. Stato civile e matrimonio
  3. Cittadinanza
  4. Presenza e dimora precedente
  5. Istruzione e formazione
  6. Condizione professionale o non professionale
  7. Luogo di sTudio o di lavoro
  8. Difficoltà nelle attività della vita quotidiana

Le sezioni I e II del Foglio di famiglia, a loro volta sono state suddivise in “punti” che comprendono più domande.

Per consultare la guida ufficiale dell'ISTAT clicca sul seguente link:
http://censimentopopolazione.istat.it/_res/doc/pdf/Guida_Compilazione_Questionario_Completa.pdf

Censimento Italia


Storia del censimento in Italia:
Il primo censimento ufficiale risale solo al 1861, cioè subito dopo l'unità d'Italia.
Dal 1861 ad oggi sono stati effettuate 15 rilevazioni con cadenza quasi regolare, infatti il censimento si effettua di norma ogni 10 anni.

Scopo del censimento in Italia:
Ufficialmente chiamato "Censimento della popolazione e delle abitazioni",ha lo scopo di raccogliere le informazioni sulla popolazione e sulle abitazioni (anche vuote) in modo minuzioso per piccole aree.

Infatti, anche se nel censimento attuale è prevista la compilazione online, è necessario l'utilizzo dei rilevatori, per censire le abitazioni vuote e analizzare le informazioni dei questionari cartacei.

Questionario del Censimento

Il questionario sta gia arrivando nelle case degli italiani, infatti l'ISTAT ha iniziato a spedirlo dal 12 Settembre, e continuerà fino al 22 Ottobre, nelle caselle della posta.

Di seguito il Questionario del censimento, presente sul sito ufficiale dell'ISTAT
http://censimentopopolazione.istat.it/_res/doc/pdf/Questionario_Completa.pdf

La GUIDA per la compilazione del questionario
http://censimentopopolazione.istat.it/_res/doc/pdf/Guida_Compilazione_Questionario_Completa.pdf

E per i più interessati all'argomento, l'ISTAT ha realizzato un documento dove spiega le differenze del censimento in corso, rispetto ai censimenti precedenti:
http://censimentopopolazione.istat.it/_res/doc/pdf/cosa_cambia.pdf

giovedì 15 settembre 2011

Quanto guadagna un rilevatore per il censimento


Un rilevatore per il censimento è un impiego momentaneo. Infatti per il prossimo censimento le date indicative del servizio sono a partire da metà ottobre fino al 29 febbraio 2012.

Ancora non vi sono dati ufficiali sullo stipendio che verrà percepito da un rilevatore, che può variare anche da comune a comune. Abbiamo per ora una stima dello stipendio di un rilevatore del comune di Roma che si può riassumere in questo modo:

- 4,50€ per ogni scheda compilata
- 1,50€ per ogni abitazione vuota censita

Quindi si stima una media di 1500,00 - 1700,00 euro mensili per ogni rilevaore nei mesi (quattro) in cui i rilevatori dovranno girare per la città e raccogliere i dati.

Inoltre dopo la raccolta i dati verranno elaborati e saranno previsti circa 1000 euro complessivi per due mesi di lavoro.

Come diventare rilevatore del censimento

Per diventare rilevatore per il XV Censimento generale della popolazione e delle abitazioni sono stati emessi dei bandi dalle varie amministrazioni comunali.

Quindi dovresti controllare sul sito del tuo comune, o, comunque recarti presso la sede del municipio e chiedere maggiori informazioni.



Come si compila il questionario del censimento


Il questionario del XV Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011, ti verrà spedito a casa a partire dal 12 Settembre.

Il questionario è in formato cartaceo, quindi lo troverai nella cassetta della posta.
Hai due opzioni per compilarlo:

1. Via WEB: sulla prima pagina del questionario troverai una password (unica) che ti permetterà di accedere all'area privata sul sito ufficiale dell'istat dedicato al censimento 2011 (http://censimentopopolazione.istat.it/). L'area privata sarà attiva a partire dal 9 ottobre, data ufficiale di inizio del censimento.

2. metodo classico: compila il questionario e potrai consegnarlo presso gli uffici postali oppure i centri comunali di raccolta creati ad hoc.


Esistono due versioni del questionario:
- per i comuni più piccoli verrà inviato il questionario nella forma completa, composto da 84 domande.

- in tutti gli altri verrà inviato un questionario in versione ridotta, con sole 35 domande. Ma verrà inviato comunque il questionario completo solo ad un campione rappresentativo di famiglie.

Come funziona il censimento 2011


Come si può leggere sul sito ufficiale dell'Istat, dal 12 Settembre, fino al 22 Ottobre verrà spedito a tutte le famiglie italiane il questionario del Censimento della popolazione e delle abitazioni 2011.

Il questionario arriverà tramite posta.

Quest'anno viene data anche la possibilità di compilarlo online; infatti sulla prima pagina del questionario è fornita una password che permette di accedere all'area privata del portale http://censimentopopolazione.istat.it/ che sarà attiva solo a partire dal 9 Ottobre.

Comunque resta sempre valida la vecchia modalità di compilazione, infatti il modulo cartaceo, una volta compilato, potrà essere consegnato presso un qualsiasi ufficio postale o centro comunale di raccolta.

Quando inizia il censimento 2011

Il Censimento della popolazione e delle abitazioni, il quindicesimo in Italia, inizierà il prossimo 9 Ottobre 2011. Ma già dal 12 Settembre si inizierà a  spedire i questionari, fino al 22 ottobre.

mercoledì 14 settembre 2011

Quanti abitanti ci sono in Bosnia


La Bosnia ed Erzegovina è uno stato dei Balcani occidentali. In Bosnia ed Erzegovina vivono 3.852.000 abitanti circa.

La superficie totale dello Stato è di 51.209 kmq e, quindi una densità di media di 75 abitanti per km.

Fino al 1992 faceva parte della Jugoslavia. La capitale è Sarajevo

Quanti abitanti ci sono a Baku


Baku è la capitale dell'Azerbaigian. E' anche la città più grande dello stato e dell'intera regione del Caucaso. La sua popolazione è di circa 2 milioni di persone.

Baku, o Baqi, Baky o Baki ha una superficie di 2.130 km² e quindi una densità di 969 abitanti per km².


La città è situata sulla riva occidentale del Mar Caspio

martedì 13 settembre 2011

Quanti abitanti ci sono in Azerbaigiàn


L'Azerbaigiàn è uno stato situato nella regione del Caucaso.
In Azerbaigiàn ci sono 9.000.000 abitanti.

La capitale è Baku.
Nell'intero Stato c'e' una densità di 90 abitanti per kmq.

lunedì 12 settembre 2011

Quanti abitanti ci sono a Yerevan


Yerevan è la capitale dell'Armenia. E' anche la città più popolosa dello stato con 1.104.900 abitanti (circa il 30% di tutto lo Stato).

Ha una densità di 4.867 abitanti per km quadrato, e si trova a 998 metri di altitudine.

A Yerevan è possibile usufruire della metropolitana e della linea dei tram.

Quanti abitanti ci sono in Armenia


L'Armenia è uno stato euroasiatico. La capitale è Yerevan. In Armenia vivono 3.230.100 abitanti con una densità di 112 abitanti per kmq.

La superficie complessiva dell'Armenia è pari a 29.800 km quadrati.

La capitale dell'Armenia è Jerevan con 1.103.488 abitanti.

La lingua ufficiale è l'armeno, una lingua indoeuropea parlata nella regione del Caucaso ed in vari stati del mondo, a seguito della diaspora armena.

Quanti abitanti ci sono in Niger


Il Niger è uno stato dell'Africa Occidentale, ed ha una popolazione di 10.075.511 abitanti.
La sua capitale è Niamey.

Confina a nord con l'Algeria e la Libira, poi a est con il Ciad, a sud con Nigeria e Benin e ad ovest con il Burkina Faso ed il Mali.

Secondo la costituzione, il Niger è una repubblica semipresidenziale ed ammette il multipartitismo.

domenica 4 settembre 2011

Quanti abitanti ci sono ad Haiti


Haiti è una nazione dell'America, del centro America, nel Mar dei Caraibi.
Ad Haiti vivono circa 8.528.000 abitanti con una densità di circa 290 abitanti per kmq.

La capitale di Haiti è Port-au-Prince.

Secondo alcune stime Haiti è il paese più povero di tutto il continente americano.

Quanti abitanti ci sono a Tripoli


Tripoli è la capitale della Libia. A Tripoli, secondo gli ultimi dati del 2004 vivono 1.063.571 abitanti.

Tripoli è la città più popolosa della Libia, quindi è anche il più grande centro commerciale e manifatturiero.

Nei giorni scorsi, il 29 Agosto 2011, la città è stata liberata dai soldati fedeli a Gheddafi.


Curiosità:
Franco Califano è nato a Tripoli il 14 Settembre 1938